1

Può un colore influenzare il modo di vivere?

Pantone ha annunciato come colore dell’ anno il Living Coral, una tonalità corallo briosa con un accenno dorato, che infonde energia e ravviva tutto con delicatezza. Un colore che spopola in rete già da tempo, ma in fondo gli addetti ai lavori di casa PANTONE lo sapevano da mesi.

Il loro lavoro è proprio quello di scovare le nuove influenze in fatto di colore, perlustrando ogni angolo della terra, analizzando i materiali, le texture di vari oggetti, come quelli high tech.

Cogliere gli influssi che possono provenire dagli ambiti più svariati, quali il mondo dello spettacolo e della produzione cinematografica, le collezioni d’arte itineranti e i nuovi artisti, la moda, tutte le sfere del design, le mete turistiche più gettonate, così come i nuovi stili di vita, di gioco e le condizioni socio-economiche.

Un colore che cattura lo sguardo, vivace ma allo stesso tempo delicato.

Sembra quasi di guardare le sfumature di un eterno tramonto in riva al mare. Negli ultimi tempi siamo stati completamente travolti da colori saturi, quasi accecanti, tonalità così forti che rendono le cose finte.

Pensate ad Instagram, per esempio, quante volte, scorrendo nella home, ci siamo chiesti: ma questo paesaggio è vero?

È tutto così artificioso, è una costante corsa alla ricerca della perfezione quasi irreale, che non esiste in natura. La mission, se così vogliamo definirla, di Living Coral è proprio quella di farci staccare la spina, riposare un po’ gli occhi e la mente e riportarci alla realtà, per riavere un contatto vero, umano, con noi stessi e la natura.

Laurie Pressman, vice presidente di Pantone, ha recentemente dichiarato in un’intervista che è stata scelta questa tonalità proprio perché c’è una forte esigenza, da parte delle persone, di leggerezza.

Pensiamo a quello che sentiamo e vediamo ogni giorno, pensiamo al clima di incertezza in cui viviamo, all’odio, la paura o peggio ancora, all’indifferenza di fronte ad alcuni problemi della nostra società.

Sempre più connessi con il mondo ma sempre più chiusi, spaventati e diffidenti. Living Coral è una ventata di aria fresca che proviene dal fondo cristallino degli oceani. Dalle sfumature calde e vibranti della barriera corallina, quella che stiamo distruggendo.

Abbiamo bisogno di sano ottimismo, abbiamo bisogno di vivere e non limitarci a sopravvivere. È un gesto eroico verso noi stessi e verso un mondo in continuo cambiamento. Un colore che si impone in un momento delicato per l’ambiente, che ci regala quella sensazione di spensieratezza che solo i pomeriggi estivi e spettinati in riva al mare possono dare.

Il fascino del retrò

Per niente invadente come i colori fluo, più frizzante dei colori pastello.

Il fascino retrò di living coral ricorda quei gingilli vintage di epoche lontane, delicati ma al tempo stesso ricchi di pathos.

Una nuance che sta bene su tutto, regala quel tocco di classe in un soggiorno spoglio, dona brillantezza ad un viso spento in una giornata grigia d’inverno, strappa un sorriso con una grafica accattivante sui social, da anima ad uno smartphone freddo.

Lo abbiamo visto sfilare, eclettico e mai banale, sulle ultime passerelle di Marc Jacobs, Chanel, Versace. Lo abbiamo ammirato, come novità assoluta, durante il lancio dell’ultimo iPhone, ed è risultato, infatti essere il colore più richiesto. Può essere sfoggiato da solo, magari con un look monocromatico, o abbinato con tante tinte diverse, come un raggio di luce che anima i colori più sobri e sofisticati.

Potranno mai i colori salvare il mondo? I colori fanno parte di noi, ci influenzano, sono l’espressione delle tendenze del momento e possono essere portavoce di uno modo di essere, di un modo di vivere la vita. L’anno scorso siamo stati rapiti dall’originalità dell’Ultra Violet, un colore che aveva il compito di stupire, provocare, un ricordo al genio creativo di Prince.

Quest’anno ci lasceremo invadere dall’innato ottimismo, dalla voglia di prendersi meno sul serio di Living Coral, sperando di tornare ad essere più umani e meno arrabbiati con il mondo.

Tags: No tags

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto