L’importanza della crittografia

L’umanità, nel corso degli anni, ha avuto la necessità di inventare innumereoli modi per mantenere dei segreti.
Nell’Antica Roma, i nobili radevano la testa di uno schiavo, scrivevano la lettera sulla sua testa e aspettavano che allo schiavo ricrescessero i capelli, dopodichè lo inviavano al destinatario.
Ai giorni nostri, considerato il grande sviluppo tecnologico degli ultimi anni, non possiamo più comunicare in questo modo e abbiamo bisogno di una protezione decisamente più robusta.
I computer, inizialmente creati per scopi militari, rappresentano il luogo perfetto dove nascondere i segreti più intimi. Questo grazie alla crittografia.
Per molto tempo l’uso della crittografia era riservato ai governi, ma ora lo possono usare anche gli utenti.

Scheletri nell’armadio?

Quando si parla di crittografia e protezione di informazioni, la risposta più comune e scontata che si riceve è: “non ho segreti, non ho niente da nascondere”.
In realtà, nella maggior parte dei casi, la vera risposta è: “a nessuno interesserebbe entrare nel mio smartphone o nel mio pc alla ricerca di qualcosa di valore”.
I documenti salvati su un PC o su uno Smartphone alla portata dei familiari può attirare l’attenzione e scatenare la curiosità di chi ti circonda.
I cybercriminali di oggi utilizzano malware capaci di rubare le informazioni di valore salvate nei browser: documenti, foto, password…
Tra le immagini rubate possono esserci documenti scannerizzati, per esempio foto della tua patente di guida o altri importanti documenti che possono essere usati per realizzare furti di identità. Ci sono stati casi in cui tra le foto rubate sono state trovate foto usate per ricatti.
Un altro grande problema per l’utente è lo smarrimento dello smartphone. Dato che questi telefoni sono in genere pieni di dati confidenziali e informazioni private, spesso di grande valore, i ladri più furbi non solo rivendono il dispositivo rubato ma realizzano una scansione della memoria in cerca di dati utili da rivendere, come password, codici di accesso a conti in banca e applicazioni.

Crittografia

La crittografia è quel processo in base al quale le informazioni vengono trasformate in modo da renderle illeggibili a terzi. Solo la persona autorizzata può decriptare i dati e accedere alle informazioni nel formato originale. Ci sono molteplici metodi per criptare e decriptare i dati, ma la chiave del successo non sta nell’algoritmo.
La cosa più importante è mantenere segreta la chiave, in modo che la conoscano solo le persone autorizzate.
È importante distinguere tra ‘encoding’ (codifica) e ‘encryption’ (crittografia). Anche la codifica trasforma le informazioni, ma viene in genere utilizzata per facilitare l’immagazzinamento o la trasmissione dei dati, non per manterli segreti. I metodi di codifica più noti sono il codice Morse e il binario.

Diventa quindi fondamentale, per tutelare la nostra privacy, creare e usare un linguaggio di cifratura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Checkbox Richiesta

*

Accetto