materie-seconda-prova-maturita-2017-grafica-comunicazione

L’IMPORTANZA DELLA GRAFICA NELLA COMUNICAZIONE

L’evoluzione della grafica oggi deriva dall’evoluzione del linguaggio html e nello stile delle pagine web.

La forza della comunicazione visiva risiede nella capacità delle immagini di “penetrare” in maniera semplice nel cervello umano rimanendo impresse.

Il pregio della comunicazione visiva è la capacità di semplificare e immagini in concetto riuscendo allo stesso tempo ad attirare l’attenzione del pubblico.

Affinché risultino efficaci è necessario saperle utilizzare nel modo adeguato, in caso contrario potrebbe essere un’arma a doppio taglio.

Per una valida comunicazione a livello visivo dev’esserci alle spalle un’idea vincente sviluppata nel modo giusto.

Importante inoltre è l’utilizzo e la scelta del font a seconda di ciò che si intende comunicare.

Un carattere scelto con cura servirà a dare maggiore risalto a ciò che si intende comunicare.

 

Federica Silletti

Facebook-per-aziende

COME UTILIZZARE FACEBOOK PER LE AZIENDE

Esiste un fattore tempo nella portata organica dei nostri post sulle pagine aziendali di Facebook? Sicuramente sì! Si parte innanzitutto dal piano editoriale, necessario affinchè la strategia da attuare sia valida.

Il piano editoriale prevede una corretta  composizione dei post i quali devono essere sintetici, chiari e d’informazione.  L’efficacia del post è maggiore quando il materiale fotografico che si va ad utilizzare proviene direttamente dall’azienda stessa poiché essendo foto reali hanno la capacità di avvicinare la clientela sotto diversi punti di vista. Ancora maggiore è quando le foto pubblicate, sono foto direttamente dei clienti attraverso un repost. Importante è indicare sempre la geolocalizzazione dell’azienda .

Il piano editoriale prevede una strategia di marketing efficace anche attraverso l’uso di grafiche personalizzate, post che riprendano almeno due volte a settimana il “dove siamo” e il “come contattarci” e l’iscrizione a gruppi Facebook nei quali pubblicizzare la pagina.

Durante la scrittura dei post vi è particolare attenzione al pubblico al quale l’azienda si vuole rivolgere, importante è quindi il linguaggio da utilizzare a seconda della clientela.

Gli algoritmi di Facebook tendono a cambiare spesso, attualmente è opportuno fare circa due post al giorno in orari specifici. Gli orari specifici si possono verificare grazie agli insight, i quali delineano in maniera specifica il numero di persone che hanno interagito con la nostra pagina e i nostri post e in che orario l’hanno fatto.

Un consiglio è quello di non cercare di vendere a tutti i costi attraverso i post, ma creare contenuti di valore, per far apprezzare il tuo brand e sfruttare questo vantaggio in un secondo momento per vendere.

 

Federica Silletti

GRAFICA 3D E REALTÀ

Di Annarita Mastroserio

Ormai imprescindibile dalla nostra realtà quotidiana la Grafica 3D riveste ogni campo (cinema, televisione, videogiochi ma anche architettura, ingegneria, arte…) ovunque sia necessario ricreare ex novo spazi virtuali realizzati direttamente dal computer.

Sono numerosi i motivi che rendono necessario l’utilizzo del supporto grafico 3D:

1 Consentire di vedere rappresentati oggetti così come saranno realizzati nella realtà

Questo avviene tramite il processo d i rendering ovvero di calcolo di tutte le varianti del caso affinché gli algoritmi riescano a calcolare e simulare il comportamento ad esempio della luce, oppure delle proprietà ottiche e fisiche di oggetti e materiali.

2 Dettagli di informazioni dell’oggetto rappresentato

In caso di progettazione di lavori a distanza attraverso la grafica 3Dè possibile facilitare nel committente la percezione del prodotto finale.

3 Ridurre i margini di errore

Vedendo rappresentato un oggetto in 3D è facile individuare eventuali errori e correggerli prima ancora che essi vengano trasmessi al prodotto finale riducendo in questo modo anche i costi della materia prima.

4 Introduzione dell’oggetto nel contesto

In questo modo l’oggetto rappresentato viene proiettato all’interno di una stanza o di un ambiente ideale affinché ne venga valutato l’ingombro, la posizione quindi un ulteriore avvicinamento alla percezione del prodotto come sarà nella realtà

DOMOTICA: FANTASCIENZA O REALTÀ?

Di Annarita Mastroserio

Tapparelle che si alzano al suonare della sveglia, luci che si accendono al calar del sole, climatizzazione delle stanze, accensione e spegnimento automatico degli elettrodomestici, persino il frigo che avverte gli abitanti della casa quando i cibi si avvicinano alla scadenza…

Questa non è fantascienza ma realtà!

Da tempo la parola “domotica” è entrata nel gergo comune ma spesso senza una reale comprensione delle infinite potenzialità racchiuse al suo interno.

Domotica deriva da “domus” (latino “casa”), e robotica quindi lo studio delle tecnologie volte a migliorare e semplificare la vita degli abitanti della casa assecondando le loro esigenze e migliorando, in tal caso, le loro abitudini.

A differenza degli impianti del passato le apparecchiature ora comunicano tra logo interagendo con un unico dispositivo di controllo dal quale gestire tutto. In genere si tratta di un tablet, un telecomando o un pannello touch screen.

Tra i vantaggi della domotica sicuramente c’è:

la sicurezza: gestione accessi all’abitazione, videocontrollo delle stanze

il risparmio energetico: accensione e spegnimento elettrodomestici per evitare sovraccarichi o sprechi, pianificare irrigazione, gestire riscaldamento dell’acqua…

gestione domestica a distanza: è possibile gestire la casa comodamente dal proprio pc o smartphone senza essere nell’abitazione.

Cosa aspettiamo? Il futuro è qui!

 

2016-06-03-IES-Pulsante-Instagram

L’IMPORTANZA DI INSTAGRAM PER LE AZIENDE

Chiara Ferragni, Mariano Di Vaio, personaggi di “Uomini&Donne”, Instagram è diventata una vera vetrina per tutti questi ragazzi che utilizzano la loro immagine sul Social Network nato inizialmente per gli appassionati di fotografia.

Ma Instagram è importante per le aziende? Sicuramente sì.

Attualmente Instagram vanta milioni di iscritti in tutto il mondo e grazie ai suoi continui aggiornamenti riesce ad essere il social più seguito insieme a Facebook.

Se su Trip Advisor andiamo a leggere le recensioni del ristorante che ci interessa, su Instagram siamo pronti a cliccare sul tasto “Segui” per rimanere sempre aggiornati sull’attività in tempo reale. Quasi come se ne fossimo i protagonisti.

Grazie agli Influencer abbiamo la possibilità che il nostro brand venga conosciuto in maniera esponenziale e l’utilizzo degli hastag appropriati ci permette di indicizzare la zona ed il target d’interesse.

Le aziende hanno così la possibilità di rendere il loro brand il più popolare possibile sia alivello nazionale che internazionale se affidati ai giusti comunicatori.


THE IMPORTANCE OF INSTAGRAM FOR COMPANIES

Chiara Ferragni, Mariano Di Vaio, characters of “Uomini & Donne”, Instagram has become a real showcase for all these guys who use their image on the Social Network originally created for photography enthusiasts.

But is Instagram important for companies? Surely.

Currently Instagram has millions of subscribers all over the world and thanks to its continuous updates it manages to be the most popular social network with Facebook.

If on Trip Advisor we read the reviews of the restaurant that interests us, on Instagram we are ready to click on the “Follow” button to stay up-to-date on the activity in real time. Almost as if we were the protagonists.

Thanks to Influencers we have the possibility that our brand is known exponentially and the use of the appropriate hastag allows us to index the area and the target of interest.

Companies have the opportunity to make their brand as popular as possible both at national and international level if entrusted to the right communicators

FOTOGRAFIA: 5 CONSIGLI PER 5 SOGGETTI

di Annarita Mastroserio

Siamo circondati da immagini ogni giorno ma cosa rende davvero un’immagine indimenticabile? Cosa cattura realmente l’attenzione dello spettatore?

Inizia qui il nostro breve viaggio nel mondo della fotografia con dei suggerimenti utili che rivolgiamo ai nostri lettori:

Guardarsi intorno e lasciarsi ispirare.

Gli scatti migliori sono spesso ritratti della nostra quotidianità. Sebbene abituati alla realtà che ci circonda è fondamentale riuscire a guardare con occhi sempre curiosi ed interessati per scoprire, o meglio, riscoprire (grazie anche all’aiuto di primissimi piani) una dimensione del tutto nuova e sorprendente.

  • In questo scatto, ad esempio, vengono ritratte delle mani che stanno lavorando la farina e il taglio della luce conferisce un’atmosfera del tutto calda e domestica alla scena che sembra estremamente piacevole e familiare.

Paesaggi e dove guardare.

Non sempre si hanno a disposizione paesaggi particolarmente suggestivi o con condizioni di luce perfette e, spesso complice la mancanza di tempo, dobbiamo saper sfruttare al meglio quanto ci circonda.

  • In questa fotografia l’occhio dell’osservatore è catturato dai fiori in primo piano che riempiono la fotografia dando l’idea della continuità sullo sfondo nettamente in secondo piano grazie all’utilizzo di uno sfocato molto accentuato (utilissimo se abbiamo uno sfondo con troppi particolari che distoglierebbe l’attenzione da quello che vogliamo fotografare).

Ritratti

Sempre più spesso la fotografia si allontana dalla dimensione del ritratto “statico” per lasciare spazio a quello “dinamico” in cui è contemplato il movimento, l’imprevisto e su tutte, la naturalezza.

  • In questo ritratto la posizione del soggetto è perfettamente centrata, in questo modo il paesaggio (in cui il soggetto è calato per metà corpo) passa in secondo piano ma è comunque parte di esso. L’elemento dell’imprevisto è presente nel vento che scompiglia i capelli della ragazza e nella gonna che non disturbano ma anzi danno movimento alla scena.

Lo sport e l’azione

È sempre più frequente l’abitudine a portare con sé fotocamere durante le attività sportive o anche quando si è semplici osservatori. Anche in queste occasioni non dobbiamo dimenticare l’importanza dell’uso corretto dei tempi e dell’apertura del diaframma ma, sebbene la tecnica sia rilevante, anche lo sguardo deve saper cogliere il momento giusto per scattare.

  • In questo scatto l’atleta è colto durante un salto mentre sta cercando riposizionare la bici in fase di atterraggio. Il fotografo per accentuare la percezione del movimento ha inclinato in diagonale la fotocamera dando l’impressione di maggiore profondità. La messa a fuoco è concentrata sul soggetto.

Animali

Da sempre soggetto dei nostri scatti domestici, gli animali spesso del tutto inconsapevolmente rendono indimenticabili le foto quando colti all’improvviso durante una passeggiata o, meglio ancora, durante i giochi.

  • In questo scatto il cane è intento a giocare ed è proprio la presenza degli schizzi d’acqua e del salto a dare l’idea del movimento e del divertimento (sebbene lo scatto sia leggermente sovraesposto vede comunque il protagonista ben a fuoco).

Immagine

Su WhatsApp arrivano i pagamenti tra utenti: si inizia in India

Da oggi in India è possibile scambiarsi denaro tra privati su WhatsApp. Si sapeva che l’applicazione stava già lavorando a questa nuova funzione che ora è diventata realtà soltanto nella sua versione beta. A riportare la novità per primo è stato il sito specializzato Techcrunch che ha raccolto diverse testimonianze di utenti indiani che hanno visto comparire l’opzione WhatsApp Payments all’interno della loro app.  Il servizio di messaggistica da tempo stava testando il sistema di pagamento indiano Unified Payment Interface e aveva ricevuto il via libera all’integrazione  di quest’ultimo nella sua app lo scorso luglio. A oggi questo nuovo servizio include il supporto alle transazioni realizzate tramite alcune delle più importanti banche indiane.  La scelta dell’India come Paese di lancio della novità non è casuale: le potenzialità di questo mercato sono enormi visto che si contano circa 200 milioni di cittadini indiani attivi ogni giorno su WhatsApp. Inoltra sta crescendo sempre più il numero di persone che ha accesso a Internet. WhatsApp non ha rilasciato alcun commento sulla notizia e neppure ha detto quando il servizio diventerà aperto a tutti e se arriverà anche in Europa e negli Usa.

 

I servizi concorrenti

L’app di proprietà di Facebook deve però vedersela con molti concorrenti nel settore del mobile payment. I cinese di WeChat sono quelli più avanti di tutti: il servizio Pay dell’applicazione di messaggistica più usata in Cina è utilizzabile anche in Italia. Senza contare la presenza di Alipay, controllata dal gigante dell’ecommerce Alibaba.  Ma ci sono interessanti novità in casa Apple, che sta provando la funzione Apple Pay Cash per scambiarsi denaro tramite iMessage. Le transazioni su Messenger sono attive negli Usa dal 2015 e sono da poco arrivate nel Regno Unito. Mentre Google ha unito Android Pay e Google Wallet nel servizio unico Google Pay.

Le altre novità di WhatsApp

Un’altra importante novità che l’app ha annunciato recentemente è WhatsApp Business, servizio per ora solo per Android aperto alle piccole imprese che vogliono mantenersi in contatto diretto con i propri clienti. Mentre verso la fine dell’anno scorso era stato promesso per iOS un cambiamento nell’invio dei messaggi vocali, senza dover mantenere il dito premuto sul pulsante del microfono durante la registrazione.

Fonte: Corriere.it

crittografia-1280x720

L’importanza della crittografia

L’umanità, nel corso degli anni, ha avuto la necessità di inventare innumereoli modi per mantenere dei segreti.
Nell’Antica Roma, i nobili radevano la testa di uno schiavo, scrivevano la lettera sulla sua testa e aspettavano che allo schiavo ricrescessero i capelli, dopodichè lo inviavano al destinatario.
Ai giorni nostri, considerato il grande sviluppo tecnologico degli ultimi anni, non possiamo più comunicare in questo modo e abbiamo bisogno di una protezione decisamente più robusta.
I computer, inizialmente creati per scopi militari, rappresentano il luogo perfetto dove nascondere i segreti più intimi. Questo grazie alla crittografia.
Per molto tempo l’uso della crittografia era riservato ai governi, ma ora lo possono usare anche gli utenti.

Scheletri nell’armadio?

Quando si parla di crittografia e protezione di informazioni, la risposta più comune e scontata che si riceve è: “non ho segreti, non ho niente da nascondere”.
In realtà, nella maggior parte dei casi, la vera risposta è: “a nessuno interesserebbe entrare nel mio smartphone o nel mio pc alla ricerca di qualcosa di valore”.
I documenti salvati su un PC o su uno Smartphone alla portata dei familiari può attirare l’attenzione e scatenare la curiosità di chi ti circonda.
I cybercriminali di oggi utilizzano malware capaci di rubare le informazioni di valore salvate nei browser: documenti, foto, password…
Tra le immagini rubate possono esserci documenti scannerizzati, per esempio foto della tua patente di guida o altri importanti documenti che possono essere usati per realizzare furti di identità. Ci sono stati casi in cui tra le foto rubate sono state trovate foto usate per ricatti.
Un altro grande problema per l’utente è lo smarrimento dello smartphone. Dato che questi telefoni sono in genere pieni di dati confidenziali e informazioni private, spesso di grande valore, i ladri più furbi non solo rivendono il dispositivo rubato ma realizzano una scansione della memoria in cerca di dati utili da rivendere, come password, codici di accesso a conti in banca e applicazioni.

Crittografia

La crittografia è quel processo in base al quale le informazioni vengono trasformate in modo da renderle illeggibili a terzi. Solo la persona autorizzata può decriptare i dati e accedere alle informazioni nel formato originale. Ci sono molteplici metodi per criptare e decriptare i dati, ma la chiave del successo non sta nell’algoritmo.
La cosa più importante è mantenere segreta la chiave, in modo che la conoscano solo le persone autorizzate.
È importante distinguere tra ‘encoding’ (codifica) e ‘encryption’ (crittografia). Anche la codifica trasforma le informazioni, ma viene in genere utilizzata per facilitare l’immagazzinamento o la trasmissione dei dati, non per manterli segreti. I metodi di codifica più noti sono il codice Morse e il binario.

Diventa quindi fondamentale, per tutelare la nostra privacy, creare e usare un linguaggio di cifratura.

sicurezza-informatica-aziendale-vestudio

SICUREZZA INFORMATICA

Ormai tutto è affidato ad Internet: comunicazione, intrattenimento, trasporto, acquisti, medicina. La nostra vita quotidiana è affidata letteralmente ai computer.

Ma quali sono i rischi?

Tra tutti, i Virus che possono cancellare interi files  permettendo di rubare informazioni.

Gli Hacker che cercano di sfruttare le debolezze del software a proprio interesse per recepire informazioni ed i Worms che sfruttano la vulnerabilità del software per infettare il computer.

Importante quindi, è la Sicurezza Informatica, ovvero l’insieme di mezzi e tecnologie tesi alla protezione dei sistemi informatici.

L’interesse per la sicurezza è cresciuto negli ultimi anni e dal momento che l’informazione è un bene aziendale, ogni organizzazione deve essere in grado di consentire la sicurezza dei propri dati.

Esiste a livello internazionale la norma ISO 27001 finalizzata a proteggere dati e informazioni da minacce di ogni tipo.

È inoltre importante adottare sistemi integrati che consentano una gestione completa  ed un alto livello di sicurezza.

La Sicurezza Informatica è  quindi importante al fine di prevenire la vulnerabilità e i rischi associati agli asset informatici.

crisi-artigianato-italia-scomparsa-antichi-mestieri-1

Gli effetti della crisi economica sull’artigianato italiano

La crisi degli ultimi Dieci anni ha portato a cambiamenti di proporzioni storiche soprattutto nel settore dell’artigianato italiano.

A livello europeo si è consapevoli che le imprese artigiane costituiscono un importante fattore di crescita economica le cui varie caratteristiche sono rappresentate dalla coesione sociale.

Va confermato che dalla fine del 2011 il complessivo sistema imprenditoriale italiano ha evidenziato un tasso di variazione negativo.

Si tratta di un’evidente conseguenza della recessione che ha indotto molte imprese a chiudere i battenti e altre a non aprirle.

In otto anni hanno chiuso 150 mila imprese. Secondo la Cgia si son persi 400 mila posti di lavoro. Elevata tassazione, forte calo dei consumi e aumento eccessivo del costo degli affitti sono alcune delle cause.

Sono necessarie importanti riforme per ritornare a crescere e dare la possibilità ad un numero considerevole di giovani di lavorare.